Belonging in Anghiari: Armida Kim

While I was staying in Anghiari at Christmas time, 2016-17, I began conducting interviews with people who live in the town. Some were conducted in Italian, some in English. They will all be posted in both languages.

Belonging in Anghiari: Armida Kim

 Cinzia and her daughters, Armida and Margherita, run the restaurant ‘Talozzi’ located in the heart of Anghiari. When I was invited to lunch there, Armida carefully explained dishes to me, how they had been prepared and the provenance of various ingredients. After the meal, I interviewed her and her mother. The interview with Armida was conducted in English, and was transcribed by Mirella Alessio who translated this edited version into Italian.

 I was born in Sansepolcro in 1993, and for the first few months of my life, my mum and I stayed here, in Anghiari, with my grandparents. Then we moved to Milan where my dad was working. After 3 years we came back. Until I was 16-17, we lived in the centre, in the most ancient part of Anghiari, where my grandparents lived, and then we moved to the countryside.armida 4

 I went to elementary and middle schools in Anghiari, but, then, for high school, I went to a school of art in Sansepolcro that specialised in textiles. And now I am now doing a 3 year European Bachelor of Science in Design in Sansepolcro. Actually … there is a funny thing here, because when I finished high school I won a prize to a University in Torino to study fashion design. I don’t quite know why I didn’t go…. I am very different from my family because they moved a lot, and… actually, I wanted to stay here. Also, the topic that I am studying is very important in this area.

armida 2 Anghiari means a lot to me. Now, all the young people that I know, want to move. And they want to move because they think that there is something more abroad, something more interesting, or maybe there is more money or something cultural, or maybe they go just to party. But everyone that I know wants to come back… after 1, 2 years.

 

They want to come back because, you know, they have family, and, as with my family, that’s very important. But they also come back for stupid things, like the food. And they want to come back because they don’t have the same feeling that they have at home. So, a lot of people go to big cities and for 6 months they party, but then it is too busy for us, maybe because we are country people. Maybe for that reason a lot of young people move to Australia, because it is less busy. But friends of mine who have gone to Australia have found it difficult getting the sort of work they’d like to do.

I don’t think that yarmida 3oung people leave for jobs. More, it’s because the family is too close, chiusa, and they want to break out, so they go away for 6 months, a year, and then they come back. If they do find a job, they might stay because they earn more than they could in Italy. But a lot of them want to come back.

Actually, I am not that different in terms of how I feel, but I’m different because of what’s happened in my life. For example, I chose to go to university here. And, at the same time we opened the restaurant here, so I choose to help my family.  Having a restaurant, it’s not so easy to go out, or to go abroad. It makes a difference when you are working for yourself rather than an employer. It may be harder and the hours longer but there is also a pleasure in the work.

When I started I didn’t know much about this work. My family had always worked in restaurants, but my field, fashion, was very different. But, in fact, it is not so different. There is a connection between how something looks and how it tastes – if it is good to look at, it is good to eat. It’s the same in fashion: there is a connection between how something looks and how it feels to wear. So, the connection between food and fashion is very close. My mum has taught me how to cook. She does all the cooked dishes, while I do all the cold plates. I like the dishes to be beautiful, to have a sense of harmony.

Sometimes it is hard working with my mother… it’s more … my sister and I live at home, so it means we are together all day, every day. But we are young so we like to stay with friends and do other things. And I have other things that I have to think about – my friends and I have a cultural association and we organize concerts, and then there’s school. So, sometimes it is very stressful. Anghiari might be quiet for other people, but when you work here and want to build something more, then it is very busy.

My association puts on musical events throughout the year – all sorts of music. And, every month we do a jam session in an old school where we have built a studio, a recording studio. A couple of people in our group teach music at the scuola media here, and we organise events for young people. For people of all ages. Music is a way of connecting generations. And, I think that in a little town like Anghiari it is easier to get this mix than in a city where events target particular age groups.

Music can help us spend time together, which is important because, even in a town like Anghiari, there has been a change in relations between generations in recent years. My grandmother, for example, tells me that, in the past, young people were very connected with older people. Now, it is difficult to communicate with younger people. Even for me.  I am 24, and I find it hard communicating with 16 year olds! Maybe, this is because of social media is …I think that this has changed young people’s ability to speak, to have conversations. They don’t speak with their parents so they don’t… they can’t have relations with older people. But this is very important! I speak a lot with my grandparents. Because they can … I am very interested in history, but not just history that you can study in books, but popular history … they can teach me a lot.

Music is important for history, and for memory. And there is music that is timeless – now I see lots of young people connecting with classical music. For example, here in July there is a festival of classical music which is a really good thing, because a young orchestra from London is here for 2 weeks, and young people from Anghiari hang out with these guys, and go to the concerts. There is also a folk group that I sing with, keeping traditions alive. It’s a way of learning about history, but it’s not boring!

For now, I’m happy living here. I have projects – my degree, and I want to do things here, in the restaurant, and with my association, so a lot of things to… And I have very good friends.

I do travel a lot. Every 2 years, I do a big trip, but just as a tourist – it’s not like living abroad. I’ve been to the Philippines, Thailand, Korea, USA, a lot of countries in Europe. I have my own way of travelling. I plan everything by myself but I don’t like booking hotels. I just get the ticket and then I go there and I like to live with the people of the place, so I can feel … even if it is just for a week or two … I can feel how they live. The next place is Cuba, very interesting. Because I have never been to South America.

Creating connections is important at the restaurant too. We like to make guests feel at ease, and also we like matching people. For example, when someone comes in alone, we like to introduce them to others, offer them a seat with someone else, and then they can have a conversation. Quite often people come in alone. Yesterday, for example, there were 2 girls, a man, another guy, and they all ate together. It is a lot of fun connecting people like this – people are grateful, they thank us, and sometimes they become friends and come back together.

Food connects people. You are given something to talk about when you eat food or drink wine. A lot of people now are interested in wine and do courses, so they come in here because we have a lot of wine, and they come here to taste it, to talk about it. We also organize evenings with a tandem, that is, a conversation where we switch between English and Italian. So, a lot of foreigners, English, American, come here to speak in Italian, and a lot of Anghiari people, Italian people come here to speak in English.

At these meals, there is a moment when everyone speaks in English and a moment when everyone speaks in Italian. People change tables. There are young people, old people. Some people come to improve their Italian or English, and some don’t speak any of the other language. But, everyone has fun.

Senso di appartenenza ad Anghiari: Armida Kim

Cinzia ha aperto con le figlie un ristorantino nel cuore di Anghiari, “Talozzi”, dove mi ha invitato a pranzo. La figlia Armida mi ha spiegato com’erano stati preparati i piatti che mi stava portando e la provenienza dei vari ingredienti. Dopo pranzo ho intervistato lei e la mamma. L’intervista con Armida si è svolta in inglese ed è stata trascritta da Mirella Alessio che ha poi tradotto in italiano la versione editata.

Sono nata a Sansepolcro nel 1993 e nei miei primi mesi di vita io e la mamma abbiamo abitato qui ad Anghiari, con i nonni. Poi siamo andate a Milano, dove allora lavorava il mio babbo, ma dopo tre anni siamo ritornate qui. Fino ai sedici-diciassette anni siamo vissute in centro, nella parte più antica di Anghiari, dove stavano i nonni e poi ci siamo trasferite in campagna.

Ho fatto le elementari e le medie ad Anghiari, ma poi per le superiori sono andata al liceo artistico a Sansepolcro che ha un indirizzo di design del tessuto. E adesso sto facendo una laurea triennale, un European Bachelor of Science in Design, sempre a Sansepolcro. Infatti… e qui è successa una cosa abbastanza divertente, perché quando ho finito le superiori, ho vinto una borsa di studio per un’università a Torino per studiare fashion design. E non so esattamente il perché, ma non ci sono andata… io sono molto diversa dalla mia famiglia, loro hanno viaggiato molto, e io… veramente, io volevo restare qua. In più, l’indirizzo che ho scelto è molto importante per questa zona.

Anghiari vuol dire molto per me. Adesso, tutti i giovani che conosco vogliono andarsene. E vogliono andarsene perché pensano che all’estero ci sia qualcosa in più, di più interessante o magari pagato meglio, o per motivi culturali o forse solo per andare a tante feste, divertirsi. Ma tutti quelli che conosco vogliono ritornare… dopo uno, due anni.

Vogliono tornare per la famiglia, sai, come per me, la famiglia è molto importante. Ma vogliono anche tornare magari per motivi stupidi, come il mangiare. E vogliono tornare perché gli manca quell’atmosfera che hanno a casa. Quindi molti vanno in una grande città e per sei mesi si danno alla pazza gioia, ma poi c’è troppo movimento per gente come noi, forse perché siamo gente di paese. Forse per quello molti adesso vanno in Australia, c’è meno caos. Ma dei miei amici che sono andati in Australia hanno poi avuto difficoltà a trovare il tipo di lavoro che volevano.

Non penso che i giovani partano per via del lavoro. I più è perché la famiglia è troppo chiusa (in italiano nell’intervista ndt) e vogliono essere più indipendenti e allora stanno via per sei mesi-un anno e poi ritornano. Se trovano un lavoro magari stanno perché gua-dagnano di più che in Italia, ma molti comunque vorrebbero tornare.

In realtà, io, come mi sento, non sono molto diversa da loro, ma sono diversa per quello che mi è successo nella vita. Per esempio, ho scelto di andare all’università qui. E contemporaneamente abbiamo aperto il ristorante qui, così ho scelto di aiutare la mia famiglia. Con il ristorante non è così facile uscire o andare all’estero. È diverso quando lavori in proprio e non per altri, magari è più duro, si fanno tante ore, ma c’è anche la soddisfazione di quello che fai.

Quando ho cominciato non ne sapevo molto di questo lavoro. La  mia famiglia, loro hanno sempre avuto ristoranti, ma il mio settore, la moda, è molto diverso. Ma poi, alla fine, non è così diverso. C’è un rapporto tra la presentazione del piatto e il suo sapore, se è bello da vedere sarà anche buono da mangiare. È lo stesso con la moda, anche per un abito c’è una relazione fra quello che vedi e la sensazione che si prova a indossarlo. Infatti, tra cibo e moda c’è un legame molto stretto. Mia mamma mi ha insegnato a cucinare, lei fa tutti i piatti caldi e io tutti quelli freddi, mi piace che siano belli, che ci sia un senso di armonia.

Qualche volta è difficile lavorare con la mamma e in più, io e mia sorella abitiamo a casa, il che significa che siamo insieme tutto il giorno, tutti i giorni. Ma siccome siamo giovani, ci piace anche stare con gli amici e fare altre cose. E io ho altre cose da seguire – con i miei amici abbiamo un’associazione culturale e organizziamo concerti e poi c’è lo studio. E qualche volta è molto stressante. Anghiari, forse per la gente da fuori può sembrare tranquilla, ma quando tu lavori qui e vuoi costruire qualcosa, allora c’è molto da fare.

La mia associazione organizza eventi musicali durante tutto l’anno – vari tipi di musica. E ogni mese facciamo una jam session in uno studio, dove una volta c’era una scuola noi abbiamo costruito uno studio di registrazione. Alcuni del nostro gruppo insegnano musica alla scuola media qua e organizziamo eventi, non solo per i giovani, ma per tutte le età. La musica è un modo per far entrare in contatto le diverse generazioni. E io penso che in un paesino come Anghiari è facile avere questa mescolanza, più che in città dove gli eventi sono diretti ai gruppi d’età specifici.

La musica ci aiuta a passare il tempo insieme, che è importante perché persino in un posto come Anghiari, negli ultimi anni, ci sono stati dei cambiamenti nel modo in cui le gene-razioni si relazionano fra loro. Mia nonna, per esempio, mi racconta che una volta i giovani erano molto più in rapporto con le persone anziane. Adesso è più difficile comunicare con i giovani, anche per me che ho 24 anni, io trovo difficile comunicare con quelli di 16! Forse perché i social sono…penso che hanno cambiato la capacità dei giovani di parlare, di fare conversazione. Non parlano con i genitori, così non…non hanno contatti con persone più grandi di loro. Ma questo è molto importante! Io parlo molto con i miei nonni, perché loro possono… io, mi interessa molto la storia, ma non solo la storia che studi sui libri, ma la storia della gente comune… e loro possono insegnarmi molto.

La musica è importante per la storia e per la memoria. E c’è della musica che è senza tempo – adesso io vedo tanti giovani accostarsi alla musica classica. Per esempio, qua a luglio c’è un festival di musica classica il che è proprio bello, perché da Londra arriva un’or-chestra di giovani che sta qua per due settimane e i giovani di Anghiari escono con loro, e poi vanno anche ai concerti. C’è anche un gruppo folk con cui io canto, teniamo vive le tradizioni, è un modo per imparare qualcosa di storia, ma non è noioso.

Per il momento sono felice di vivere qua, ho dei progetti, la mia laurea, e voglio fare delle cose qui, nel ristorante e con la mia associazione, allora un sacco di cose da… e ho tanti buoni amici.

Viaggio molto, ogni due anni faccio un lungo viaggio, ma come turista, non è come vivere all’estero. Sono stata nelle Filippine, in Tailandia, Corea, negli Stati Uniti, in un sacco di posti in Europa. Ho il mio modo di viaggiare, organizzo tutto io, ma non mi piace prenotare gli hotel. Compro solo il biglietto e poi quando sono là preferisco vivere con la gente del posto, così posso fare l’esperienza… anche se è solo per una settimana o due… cerco di vivere come una di loro. Il prossimo viaggio è Cuba, molto interessante, perché non sono mai stata in Sud America.

Creare relazioni è molto importante anche per il ristorante. Ci fa piacere mettere gli ospiti a loro agio e anche far incontrare la gente. Per esempio, quando qualcuno viene da solo, lo presentiamo  e magari lo mettiamo al tavolo con altri, poi possono chiacchierare. Molte volte la gente viene da sola. Ieri, per esempio, sono arrivate due ragazze, un signore e un altro ragazzo e hanno mangiato tutti insieme. È molto divertente far incontrare la gente così, i clienti ci sono grati, ci ringraziano e qualche volta fanno persino amicizia e poi tornano di nuovo qui, insieme.

Il cibo fa incontrare la gente perché tu gli dai qualcosa di cui parlare mentre mangiano e bevono. Adesso un sacco di gente è interessata ai vini, fanno corsi, così vengono qua perché abbiamo una cantina fornita, per provare i nostri vini e per parlarne. Organizziamo anche serate “tandem”, cioè la conversazione passa dall’inglese all’italiano. E così vengono molti stranieri, inglesi, americani, vengono qui per parlare italiano e molti anghiaresi, ita-liani, vengono per parlare inglese.

Durante queste cene c’è un momento quando tutti parlano inglese e uno quando tutti parlano italiano, la gente cambia tavolo, giovani, vecchi. Qualcuno viene per migliorare l’inglese o l’italiano, qualcuno magari non sa parlare l’altra lingua, ma comunque si divertono tutti.

Ann and Mirella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *