Category Archives: Time and Space

Belonging in Anghiari – Elisa Sassolini

Here is the last interview for this year.

Ecco l’ultima intervista per quest’ anno.

Appartenenza ad Anghiari – Elisa Sassolini

Elisa è cresciuta a Firenze, la città natale della mamma, ma ha sempre mantenuto un forte legame con Anghiari, dove vive la famiglia del babbo, una famiglia molto numerosa. Adesso Daniele ed Elisa abitano con i genitori di lei nella loro casa in campagna, fuori Anghiari. Elisa è un’agronoma tropicalista e lavora in un’azienda del posto che produce macchine per l’agricoltura, il che comporta frequenti viaggi in Africa. Questa intervista si è svolta in italiano ed è stata poi trascritta e tradotta in inglese da Mirella Alessio. Questa ne è una versione editata.

ElisaSono nata a Firenze il 17 ottobre 1969, lì ho fatto tutte le scuole e l’università. Anghiari è sempre stata l’altra metà della mia vita perché la mamma è di Firenze, babbo di Anghiari. Loro si sono conosciuti a Firenze, si sono sposati e hanno abitato sempre lì, però per il forte legame che il babbo aveva con Anghiari, noi siamo sempre venuti qua. Da principio andavamo a dormire dalla nonna e poi il babbo ha comprato una casa, nel 1973, io avevo quattro anni, è la stessa casa dove abitiamo adesso, l’unica casa che io ho sempre visto perché invece a Firenze abbiamo cambiato diverse case e diversi rioni.

Continue reading Belonging in Anghiari – Elisa Sassolini

Meeting

 

During my stay here in Anghiari, I am learning anew the significance of Martin Buber’s claim that ‘all real living is meeting’. On reflection, what makes life here meaningful for me here is the quality of the encounters I have. It’s what I often write about in these posts. When an encounter has the quality of a meeting, I come away from it feeling quite simply happy and alive.20190511_114413_1558160478716_resized

Continue reading Meeting

The artisans’ show and market

 

Everyday life continues well for me here in Anghiari. Every day, I have engaging encounters and conversations, connections become deeper. I am meeting new people, making new friends; and, I have begun interviewing people again, on the theme of belonging. People give so generously in these interviews (which will appear at a later date on this blog). Of course, many of my interesting conversations happen because I am a visitor, but I would describe some of them as truly ‘everyday’, happening with people whom I see in an everyday sort of way.

Andrearesized Continue reading The artisans’ show and market

Welcome back to Anghiari

Yes, this is the same title as my first blog last year, because, again, the welcome I have received has been so warm. It is such a distinctive experience, and, this time, even more extended with the deepening connections I am making here in Anghiari. I run into acquaintances and friends in the street, in shops, in church, in the bar, and am warmly greeted, frequently with hugs and kisses. None of these meetings are planned – they just happen. As soon as I set foot in the street, I enter the life of this place.anghiari 13 aprile

Continue reading Welcome back to Anghiari

Belonging in Anghiari: Silvia Dressles

In 2017, I began conducting interviews with people who live in Anghiari. Some were conducted in Italian, some in English, and they were all published in both languages on this blog. While in Anghiari in spring this year, I continued this project. These interviews are also being published in both languages.

Appartenenza ad Anghiari: Silvia Dressles

 Silvia e il marito Gianni sono i proprietari del ristorante Da Alighiero che si trova nella parte medievale di Anghiari. Silvia cucina e Gianni si occupa della sala ed insieme accolgono calorosamente i loro clienti. Ho intervistato Silvia nel ristorante, un pomeriggio sul tardi. L’intervista si è svolta quasi tutta in italiano, con alcune parti in inglese, ed è stata trascritta e tradotta da Mirella Alessio. Questa è una versione editata.20180412_181958_resized

 Sono nata in Germania nel 1966, a Werne, in Westfalia, e ho vissuto e sono andata a scuola a Hagen, vicino a Dortmunt, in Westfalia. Sono andata a un ginnasio artistico.

Continue reading Belonging in Anghiari: Silvia Dressles

Belonging in Anghiari: Filippo Borgogni

In 2017, I began conducting interviews with people who live in Anghiari. Some were conducted in Italian, some in English, and they were all published in both languages on this blog. While in Anghiari in spring this year, I continued this project. These interviews are also being published in both languages.

Appartenenza ad Anghiari: Filippo Borgogni

Filippo lavora con la famiglia nell’agriturismo/ristorante “Mafuccio”, sulle colline vicino ad Anghiari. Mafuccio faceva parte della cooperativa agricola Montemercole, una comunità basata su principi religiosi ed etici di rispetto per gli animali e l’ambiente, ma la famiglia Borgogni sta per diventare indipendente. Ho intervistato Filippo in una bellissima mattina di primavera. Ci siamo seduti sulla terrazza, ad uno dei tavoli di legno costruiti dal padre Francesco, che è il cuoco del ristorante. C’era anche la sorella Carlotta che ha partecipato all’intervista, con i suoi commenti e precisazioni. L’intervista in italiano è stata trascritta e tradotta in inglese da Mirella Alessio. Questa è una versione editata.20180406_113210_1523283972817_resized

Sono nato a Grosseto e ho diciannove anni. Nel 2005 ci siamo trasferiti a Montemercole, dove è cominciato tutto il progetto della cooperativa… che è stata fondata nel 1984. Ho due fratelli, Tommaso e Taddeo, e una sorella, tutti più grandi di me, io sono il più piccolo di casa.

Continue reading Belonging in Anghiari: Filippo Borgogni

Belonging in Anghiari: Paola Foni (Part 2)

Il senso di appartenenza ad Anghiari: Paola Foni (seconda parte)

 Il mio lavoro… Allora, premesso, io sono stata amministratore anche in questo comune, io sono stata uno dei collaboratori dei sindaci dal ‘92 al ’98, alla fine dell’amministrazione di Franco Talozzi: grande! e poi a  quella successiva, poi ho finito quest’esperienza con la nascita di Marco. Quando esce un bando di questo posto per spazzino in Comune, io faccio domanda, nessuno interessato. Mi fanno il test attitudinale e ho questo posto, io dico: “Bene” perché lavoro sei ore la mattina e ho il pomeriggio libero per aiutare e per stare con i mei figli. Marco aveva un anno e mezzo, anche gli altri comunque erano piccoli. E quindi inizio questa avventura…

paola2

Continue reading Belonging in Anghiari: Paola Foni (Part 2)

Belonging in Anghiari: Paola Foni (Part 1)

In 2017, I began conducting interviews with people who live in Anghiari. Some were conducted in Italian, some in English, and they were all published in both languages on this blog. While in Anghiari earlier this year I continued this project. These interviews will also be published in both languages.

Il senso di appartenenza ad Anghiari – Paola Foni (Parte 1)

 Paola e suo marito Paolo si sono trasferiti ad Anghiari subito dopo il matrimonio nel 1983 e vivono ancora nella casa dove hanno cresciuto i loro tre figli. Paola ha studiato biologia, ma ormai da vent’anni fa la spazzina ad Anghiari. È famosa per il suo sorriso e la sua gioia di vivere. Ogni mattina la puoi vedere mentre balza dentro e fuori la sua Ape o intorno alla piazza dove spazza muovendosi con una tale grazia che sembra stia danzando. La lunga intervista è stata divisa in due parti. Nella prima sezione Paola racconta la storia della sua famiglia, mentre nella seconda parla del suo lavoro e della sua relazione con Anghiari. L’intervista si è svolta in italiano, poi è stata trascritta e tradotta in inglese da Mirella Alessio e questa ne è una versione editata.paola1

 Io sono nata a Sansepolcro nel 1957, il 10 di giugno.  Provengo da una famiglia di, diciamo, operai, mio padre era un bravissimo muratore, la mamma è stata casalinga, poi ha lavorato assieme a una zia per delle confezioni per il mare, cappelli, borse e quant’altro. Io sono vissuta in casa con i nonni paterni, il nonno Domenico e la nonna Mabilia, è stato un rapporto molto importante quello che io ho avuto con i nonni, specialmente con la nonna paterna.

Continue reading Belonging in Anghiari: Paola Foni (Part 1)

Belonging in Anghiari: Franco Talozzi

In 2017, I began conducting interviews with people who live in Anghiari. Some were conducted in Italian, some in English, and they were all published in both languages on this blog. While in Anghiari earlier this year I continued this project. These interviews will also be published in both languages.

Il senso di appartenenza ad Anghiari: Franco Talozzi

 L’anno scorso ho intervistato la figlia di Franco, Cinzia e la nipote, Armida, che insieme conducono il ristorante “Talozzi” ad Anghiari. Quest’anno ho avuto la fortuna e l’opportunità di intervistare Franco, di cui tutti parlano sempre benissimo e che, quando sindaco di Anghiari negli anni Ottanta, ha dato un enorme contributo allo sviluppo della città, specialmente sotto il punto di vista culturale. L’ho intervistato in una gelida giornata di marzo, a casa sua, nella parte medievale del paese. È venuta con me anche Mirella, che trascrive e traduce queste interviste, e là abbiamo trovato la moglie, Anna, e Cinzia, tutti riuniti in una stanza accogliente, dalle pareti foderate di libri con una splendida vista sulla valle Tiberina. Cinzia aveva anche preparato una deliziosa mantovana, una tipica torta toscana che ci è stata poi servita con il vin santo. L’intervista, condotta in italiano, è poi stata trascritta e tradotta in inglese da Mirella Alessio e questa ne è una versione editata.IMG-20180326-WA0000-1

 Bene! Beh, io sono nato a Chiusi, in provincia di Siena, il 23 novembre del 1937, perciò ho compiuto ottant’anni da poco. Sono nato in una famiglia contadina. Il mio babbo ha fatto il guardiacaccia in una grande riserva di un grande proprietario, in una delle dodici fattorie granducali del duca Leopoldo, il grande Leopoldo, che aveva, da Arezzo fin nella città di Chiusi, fatto la bonifica, erano tutte paludi. Aveva costituito dodici fattorie, questa fattoria dove sono nato io si chiama Dolciano, aveva 24 famiglie di contadini. Ero l’unico maschio, avevo quattro sorelle.

Continue reading Belonging in Anghiari: Franco Talozzi

La Verna in spring

 

la verna1

As my stay in Anghiari draws to a close, it feels as if I have been watching spring arrive in slow motion. Shutters and windows are opening, and every day the landscape changes: the greens get greener, and the light brighter; there are ever more birds and flowers and colours. And, now, leaves are appearing on trees. The forests of beech and ash around La Verna were shimmering with new leaves when we visited there yesterday.

Continue reading La Verna in spring